Museo Revoltella


Trieste [16 dicembre 2018, ore 11:00]
Mattinate Musicali Internazionali 2018/2019



MATTINATE MUSICALI INTERNAZIONALI  al Museo Revoltella
2018-2019    XVIII edizione

Fisarmonica e Archi

Nuova Orchestra Ferruccio Busoni
Massimo Belli direttore
Gianni Fassetta fisarmonica
Lucio Degani violino
Francesco Ferrarini violoncello

 

Sarà un omaggio alle musiche di Astor Piazzolla la Mattinata Musicale che domenica 16 dicembre avrà come interpreti la Nuova Orchestra da camera Ferruccio Busoni, diretta dal Maestro Massimo Belli, il fisarmonicista Gianni Fassetta, il violinista Lucio Degani e il violoncellista Francesco Ferrarini. In programma anche brani di Cesare Chiacchiaretta e Paolo Pessina.
L’appuntamento, dal titolo “Fisarmonica e Archi, si terrà alle ore 11.00 nell’Auditorium Marco Sofianopulo del Museo Revoltella.
In collaborazione con l’Associazione Fa Diesis di Pordenone, il concerto proporrà dei brani tratti dai grandi classici del repertorio del musicista argentino Astor Piazzolla come Otono Porteno e Invierno Porteno da “Las Cuatros Estaciones Portenas per bandoneon e orchestra d’archi”, la Muerte del Angel per archi, di Cesare Chiacchiaretta il “Concerto per fisarmonica e archi” dedicato dal compositore a Gianni Fassetta e di Paolo Pessina, Raphsodeon per violino, violoncello, fisarmonica e archi.
Il fisarmonicista Gianni Fassetta ha Iniziato lo studio della fisarmonica all’età di sei anni con il maestro Elio Boschello di Venezia. Ha seguito i corsi di perfezionamento con i maestri Friedrikh Lips e Wladimir Zubintskj. Classificatosi al primo posto in quindici concorsi nazionali e internazionali, ha partecipato a registrazioni Rai Tv, reti regionali e straniere.
Svolge intensa attività concertistica in Italia (Sala “Nervi” in Vaticano alla presenza di papa Giovanni Paolo II; Festival dei Due Mondi di Spoleto; Aula Magna Università La Sapienza a Roma; Giardini Reali a Torino; Teatro Goldoni a Venezia; Teatro Eden a Napoli; Auditorium Parco della Musica di Roma; Villa Pamphili di Roma, Villa Rufolo al Ravello Festival; Teatro Petrella di Longiano; Estate Musicale di Villa Manin di Passariano, Udine) e all’estero (Argentina, Austria, Canada, Francia, Germania, Pakistan, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Ungheria, Giappone). Da sottolineare la tournée in Argentina nel novembre 2001 dove si è esibito anche al Teatro Colòn di Buenos Aires in presenza di Laura Escalada Piazzolla moglie di Astor Piazzolla che presente al concerto gli fece questa dedica: “A Gianni, gran musicista, che mi ha fatto piangere, con il suo bel strumento!”
È molto attivo anche nel settore della musica cameristica. Con il Piazzollandotrio ha vinto il Concorso Internazionale “Amadeus” 2000 e con il Remo Anzovino Trio ha ottenuto grandi consensi in prestigiosi festivals internazionali (Umbria Jazz Winter, Napoli Jazz Festival, 64^ Mostra del Cinema di Venezia, Abazia di Sesto al Reghena, Feltrinelli di Roma, Auditorium Demetrio Stratos Milano, European Jazz Expo di Cagliari, Teatro Masini di Faenza, Norapolis Festival di Metz (Francia), festival Sete Sois Sete Luas - Lisbona.
Nel luglio 2009 ha collaborato con il Premio Oscar Nicola Piovani, nel progetto “EPTA”, suite in sette movimenti per sette strumenti.
Ha partecipato alla realizzazione della colonna sonora del film “Vajont” di Renzo Martinelli, componendo due brani per fisarmonica e quartetto d’archi, ora editi dalla casa discografica Sugar Music di Milano.
Le Mattinate sono nate nel 2001 da un’idea del compositore triestino Marco Sofianopulo e di Massimo Belli e sono organizzate dalla Nuova Orchestra da camera “Ferruccio Busoni” in collaborazione con il Museo Revoltella di Trieste, il Comune di Trieste, l’Assessorato alla Cultura della Regione Friuli Venezia Giulia, Turismo FVG e la Fondazione Benefica Kathleen Foreman Casali.
Si ringrazia per la collaborazione il Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini di Trieste, AIAM – Associazione Italiana Attività Musicali, CIDIM – Comitato Nazionale Italiano Musica, Associazione Musicale Fadiesis di Pordenone, Bartok Studio di Milano, Associazione Sergio Gaggia di Cividale, Scuola di Musica 55 – Casa della Musica di Trieste, Piano FVG di Sacile e APManagement di Vicenza.
Dopo il concerto seguirà un piacevole brindisi tra il pubblico e gli artisti offerto dalla Cormòns Cantina Produttori.
Vi invitiamo a consultare il sito dell'orchestra "Ferruccio Busoni" www.orchestrabusoni.it e la pagina facebook e quello del Museo Revoltella  www.museorevoltella.it per maggiori informazioni.

L’ ORCHESTRA DA CAMERA “FERRUCCIO BUSONI”, complesso storico fondato nel 1965 da Aldo Belli, è una delle prime orchestre da camera sorte in Italia nel dopoguerra e la più antica della regione Friuli Venezia Giulia. E’ un “organismo di interesse regionale e per il 50° anniversario la Regione Friuli Venezia Giulia ha pubblicato il volume sull’orchestra Busoni, intitolato “Oggi come mezzo secolo fa” relativo alla promozione dell’immagine della Regione a livello internazionale. E’ formata da affermati strumentisti, vincitori di concorsi internazionali, che tramandano la civiltà musicale del Trio di Trieste e del Quartetto Italiano di cui sono stati allievi. Nel 2005 e nel 2010 per festeggiare il 40° e il 45° anniversario dell'orchestra, si sono tenuti alcuni concerti con la partecipazione straordinaria del violinista Salvatore Accardo. Il concerto celebrativo per il 50° anniversario, ha avuto come ospite il violinista Domenico Nordio e, registrato dal vivo, è stato pubblicato dalla rivista Amadeus.
L’orchestra si è posta all’attenzione del pubblico e della critica tenendo centinaia di concerti in Austria, Slovenia, Croazia, Germania, Svizzera, Russia, Tunisia e Italia, con solisti d’eccezione e nel 2013 ha inaugurato, come rappresentante dell’Italia, il Festival Internazionale Silver Lyre organizzato dalla Società Philarmonica di San Pietroburgo. Ha presentato molte opere in prima esecuzione assoluta, alcune dedicate all’orchestra. Ha registrato 18 CD per case discografiche come Velut Luna, Concerto Classics, Brilliant Classics, Warner Classics e Amadeus presentando brani in prima registrazione mondiale di importanti compositori. Dal 2013 l’orchestra Busoni è impegnata in un progetto di riscoperta della musica dell’autore veneto Andrea Luchesi; a oggi la Concerto Classics” ha pubblicato in prima mondiale cinque CD dedicati alla sua musica, che hanno avuto prestigiosi riconoscimenti dalle più importanti riviste del settore.
L’orchestra Busoni è l’ideatrice e principale interprete delle Mattinate Musicali Internazionali al Museo Revoltella di Trieste, rassegna di musica da camera che vanta diciotto anni di attività.
L’orchestra Busoni ha effettuato nel mese di febbraio 2018 una tournèe in varie regioni italiane organizzata dal CIDIM. Nel mese di marzo 2018 la rivista Amadeus ha pubblicato il CD contenente due Concerti di Giuseppe Tartini in prima registrazione mondiale registrati dalla Busoni insieme a Laura Marzadori, dedicando agli artisti la copertina.
MASSIMO BELLI ha intrapreso lo studio del violino con il padre, proseguendo poi con Bruno Polli. Si è diplomato a pieni voti e lode sotto la guida di Renato Zanettovich al Conservatorio “Benedetto Marcello” di Venezia. Ha seguito i corsi di perfezionamento a Fiesole con il Trio di Trieste e Piero Farulli, e all’Accademia Chigiana di Siena con Henryk Szeryng. E’ stato allievo per un biennio di Salvatore Accardo all’Accademia di Alto Perfezionamento “W.Stauffer” a Cremona.
Premiato in numerosi concorsi nazionali e internazionali, ha debuttato sedicenne al Teatro Politeama Rossetti di Trieste per la Società dei Concerti; in seguito ha suonato da solista e diretto, nelle più importanti sale in tutta Europa, ex unione Sovietica, Turchia e Sud America. Ha interpretato i principali concerti del repertorio violinistico accompagnato da importanti orchestre ed e’ stato primo violino di spalla dell’orchestra Giovanile Italiana, dall’Orchestra Busoni, della Haydn Philarmonia e primo violino e direttore dei Virtuosi dell’Ensemble di Venezia.
Il compositore triestino Giulio Viozzi ha dedicato a Massimo Belli il brano “Tema variato” per violino solo edito da Pizzicato.
Ha registrato per radio e tv Italiana, Sovietica, Tedesca, Jugoslava, Brasiliana, Austriaca, e inciso per Sipario Dischi, per Nuova Era, per la Tirreno Editoriale di Lugano. Attualmente incide per Concerto Classics, Brilliant Classics e Warner Classics.
Ha studiato direzione d’orchestra con Aldo Belli e Julian Kovatchev ed è il direttore della Nuova orchestra da camera “Ferruccio Busoni”. E’ professore di violino al Conservatorio di Trieste. Ha insegnato al Collegio del Mondo Unito dell’Adriatico, ai Corsi internazionali di Cividale ed è stato invitato per delle Masterclass al Conservatorio Reale di Murcia (Spagna), alla Hoochschule di Mannheim e all’Accademia di Tallin.
Nell’agosto 2002 ha avuto l’onore di dirigere l’orchestra del 40° formata dai premiati al Concorso Nazionale di Violino Città di Vittorio Veneto in occasione del suo quarantesimo anno di attività. Recentemente ha diretto i cameristi del Maggio Musicale Fiorentino.


LUCIO DEGANI
Lucio Degani ha intrapreso lo studio del violino all’età di 12 anni, diplomandosi con il massimo dei voti al Conservatorio “L.Cherubini” di Firenze sotto la guida del M° Renato Zanettovich, frequentando quindi i corsi di musica da camera e quartetto tenuti dai maestri Zanettovich, De Rosa e Farulli presso la Scuola di Musica di Fiesole.
Premiato in vari concorsi nazionali e internazionali, ha intrapreso un’intensa attività concertistica in Italia e all’estero, sia come solista, sia in formazioni cameristiche. Ha collaborato come violino di spalla e solista con diverse orchestre, tra le quali l’Orchestra Giovanile Italiana, l’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna, l’Orchestra del Teatro Verdi di Trieste, l’Orchestra Sinfonica del FVG, l’Orchestra della Radiotelevisione di Lubiana, l’OSCA di Assuncion (Paraguay). Ha suonato sotto la direzione d’illustri direttori, come Bertini, Maazel, Maag, Muti, Scimone, Sinopoli, Thielemann, Rostropovich. Dal 1986 collabora con l’orchestra da camera “I Solisti Veneti” diretti dal M° Claudio Scimone, formazione nella quale dal 2000 ricopre il ruolo di violino principale e con la quale si è esibito anche in qualità
di solista nei più importanti teatri e sale da concerto del mondo (Lincoln Center di New York, Suntory Hall di Tokyo, Musikverein di Vienna, Mozarteum di Salisburgo, Schauspielhaus di Berlino, La Scala di Milano, l’Opéra e Salle Pleyel di Parigi, la sala del Conservatorio Tchajkovskij di Mosca ecc.). Ha preso parte a numerose registrazioni discografiche in veste solistica per Erato, RCA, RCA Victor, Philips, EMI nipponica, Rivoalto, Warner Fonit, Real Sound. Ha eseguito molte registrazioni televisive e radiofoniche per la BBC, RAI, RAI TRADE, ORF, Radio France ecc.
Suona un violino Don Nicolò Amati del 1734.
È docente di violino presso il Conservatorio di Musica “Nino Rota” di Monopoli e “Giuseppe Tartini” di Trieste.

Francesco Ferrarini, nato a Verona, si è diplomato con il M° Luca Simoncini con il massimo dei voti e la Lode. Ha seguito per sei anni i corsi tenuti dal M° Mario Brunello a Brescia e dal 1984 al 2000 ha studiato con il M° Franco Rossi, di cui Ferrarini è considerato tra i migliori allievi. E’ risultato vincitori di Concorsi nazionali ed internazionali: Concorso Nuovi Talenti, Premio Quadrivio, Concorso nazionale di Biella, Concorso Zamboni di Cesena, Concorso internazionale di musica da camera di Caltanissetta. In qualità di solista e primo violoncello , ha collaborato e collabora tutt’ora con le migliori orchestre da camera presenti in Italia, inoltre ha suonato anche con i Virtuosi di Mosca diretti da Yuri Bashmet, Al suo attivo ha più di 2000 concerti tenuti nelle più prestigiose sale italiane e in Francia, Germania, Svizzera, Austria, Spagna, Finlandia, Olanda, Inghilterra, Turchia, Grecia, Russia, Repubblica Ceca, Stati Uniti, Messico, Perù, Argentina, Canada, Giappone Korea, Cina, India. In qualità di primo violoncello e solista ha collaborato dal 2000 al 2008 con l’Orchestra del Teatro Regio di Parma, successivamente sempre come primo violoncello e solista con il Teatro Carlo Felice di Genova Teatro Regio di Torino e il Teatro la Fenice di Venezia. Svolge un’intensa attività di musica da camera suonando con musicisti quali: G. Demus, P. Vernikov, B. Belkin, B. Canino, D. Rossi ecc. ed è docente di violoncello presso il Conservatorio di Trapani.

 







© %ANNO% Museo Revoltella, Comune di Trieste, Assessorato alla Cultura