Museo Revoltella


Trieste [27 gennaio 2019, ore 11.00]
Mattinate Musicali Internazionali 2018/2019



MATTINATE MUSICALI INTERNAZIONALI    XVIII edizione

Il Concerto della Memoria

I solisti della Nuova Orchestra Ferruccio Busoni e i solisti della Associazione Sergio Gaggia si incontrano in occasione della Giornata della Memoria

Andrea Rucli pianoforte
My-Sa Yang violino
Vladimir Mendelssohn viola
David Briatore viola
Frieder Berthold violoncello
Mitsugu Harada contrabbasso

Domenica 27 gennaio 2019, alle ore 11.00, presso l’Auditorium “Marco Sofianopulo” del Museo Revoltella a Trieste, si terrà il decimo appuntamento della XVIII edizione delle Mattinate Musicali Internazionali, dal titolo “Il Concerto della Memoria”.
Si rinnova anche quest’anno la collaborazione tra l’Orchestra Busoni e l’Associazione Gaggia di Cividale del Friuli, con un concerto che prevede l’esibizione di una formazione mista, con i solisti delle due realtà musicali.
Ad eseguire il programma saranno i musicisti Andrea Rucli al pianoforte, My-Sa Yang al violino, Vladimir Mendelsson e David Briatore alla viola, Frieder Berthold al violoncello, Mitsugu Harada al contrabbasso.
Tra i brani proposti il grande Sestetto per pianoforte e archi di Felix Mendelssohn e il celebre Quintetto "Die Forelle" di Franz Schubert.
Il concerto sarà eseguito anche nel pomeriggio, alle ore 18.00, presso la tenuta dell'Azienda Jermann a Ruttars di Dolegna, durante l’inaugurazione della tredicesima edizione della manifestazione Enoarmonie, con la partecipazione di Valentina Lo Surdo, voce tra le più apprezzate della terza rete radiofonica RAI.

Andrea RUCLI, pianista, si è diplomato al Conservatorio “L.Cherubini” di Firenze con il massimo dei voti e la lode sotto la guida di M°Alessandro Specchi. Vincitore in numerose competizioni pianistiche di primi e secondi premi – concorsi di Alberga, Como, Aversa ecc.- , suona da più di venticinque anni sia come solista che in svariate formazioni cameristiche, collaborando con figure di primo piano del concertismo. E’ stato prima allievo, poi partner in duo pianistico e assistente per più di 10 anni, del pianista russo Konstantin Bogino, mentre ora continua da diversi anni un sodalizio di arte e amicizia pianamente soddisfacente con il violista e compositore Vladimir Mendelssohn.  Ha partecipato a prestigiosi festival di musica da camera, tra cui quelli di Portogruaro (per nove anni di cui sette anni consecutivi), della Settimana Musicale al Teatro Olimpico di Vicenza, di Kuhmo in Finlandia (dove sarà ospite nel 2013 per la nona volta), della Società della Musica da Camera al Teatro dell’Ermitage di San Pietroburgo, del Sound Jerusalem in Israele, del Festival Pontino, del Cantiere di Montepulciano ecc. Ha registrato in cd brani cameristici di E.Chausson con i Cameristi di Verona, opere di Dvorak a 4 mani assieme al M°Bogino, in prima assoluta un quartetto di Daniele Zanettovich. le due sonate di Robert Schumann e le romanze di Clara Wieck, assieme al violinista Lucio Degani. In prima mondiale ha registrato opere per pianoforte solo e di musica da camera della compositrice russa Ella Adaiewsky,coronamento di un lavoro di riscoperta promosso dall’Associazione Sergio Gaggia, di cui si sono occupati anche le riviste Amadeus, Musica e a più tappe  Radio Tre Suite.  Nel giugno 2011 è uscito un altro cd con opere della compositrice russa per la prestigiosa etichetta DYNAMIC. Nel gennaio 2010 e nel febbraio 2012 si è esibito per i “Concerti del Quirinale” in diretta radiofonica sul III canale RAI ed in circuito Euro Radio, presentando rispettivamente “La Pantomima Rinata”, produzione della Gaggia 2006, ricostruzione musicale di Vladimir Mendelssohn della Pantomima k446 di W.A.Mozart, con una commedia dell'arte appositamente scritta da Quirino Principe e un programma costruito per la giornata del Ricordo.
E’ stato giovanissimo di concorso ministeriale presso il Liceo Musicale Pareggiato “G.Puccini” di Gallarate per l’insegnamento di pianoforte principale.

Violinista di origine coreana, Mi-Sa Yang è nata e cresciuta a Osaka, in Giappone. Ha studiato al Conservatorio Nazionale di Parigi (CNSMDP), completando un programma di post-diploma di violinista-solista per concerti, sotto la supervisione di Olivier Charlier e Jean-Jacques Kantorow. Mi-Sa ha vinto premi e riconoscimenti in varie competizioni internazionali. Ha ricevuto il 1°premio al Concorso Internazionale Yehudi Menuhin per giovani violinisti nel 2000 e nel 2001, il 3 ° premio e il premio speciale della giuria al concorso musicale internazionale Sendai. Mi-Sa ha anche vinto il 1 ° premio in trio (pianoforte, violino e violoncello ) alla 55a edizione del Concorso Musicale Internazionale Maria Canals di Barcellona, nel 2009. Dal suo debutto orchestrale all'età di 12 anni in Giappone, Mi-Sa ha avuto l'opportunità di esibirsi con numerosi ensemble prestigiosi (come la Suk Chamber Orchestra, i London Mozart Players, la Sendai Philharmonic Orchestra, la Tokyo Symphony Orchestra, la New Japan Philharmonic, Orchestra Filarmonica di Osaka, Orchestra Sinfonica di Kyoto, Orchestra Filarmonica del Kansai, Orchestra del Secolo Osaka ecc.). Si esibisce anche in recital, in sedi e festival internazionali. Le sue interpretazioni profondamente commoventi e ampiamente acclamate, le hanno fatto guadagnare il rispetto sia della stampa musicale che della critica. Ha co-fondato il trio di pianoforti Les Esprits con Adam Laloum e Victor Julien-Laferrière, ed è membro del Quartetto Ardeo dal 2014. Si è esibita all'Amsterdam Concertgebouw, Wiener Konzerthaus, Philharmonie de Paris, Kölner Philharmonie, Théâtre des Champs Elysées, Klavier-Festival-Ruhr, Folle Journée de Nantes, Folle Journée au Japon, La Roque d'Anthèron, Fêtes musicales en Touraine, Festival de Pâques de Deauville, Mecklenburg-Vorpommern Festspiele, Kuhmo Chamber Music in Finlandia, ecc. Entrambe le registrazioni di Trio Les Esprits nel 2014 e 2017 (Mirare) hanno ricevuto apprezzamenti dalla critica. Il prossimo, dedicato a Schubert, uscirà nel 2019 per Sony Music. Nella primavera del 2019, Mi-Sa Yang pubblicherà un nuovo album dedicato alle sonate di Mozart, in duetto con il pianista Jonas Vitaud (Mirare).

Vladimir MENDELSSOHN 
Violista, nato da una famiglia ricca di tradizione musicale, ha seguito già dalla più giovane età la predestinazione musicale del suo nome. Ha concluso gli studi di viola e composizione all’Accademia musicale di Bucarest, vincendo subito dopo le maggiori competizioni internazionali di viola e di pianoforte. Ha tenuto concerti in tutto il mondo. Tiene corsi di perfezionamento in Svezia, Finlandia, Francia, Svizzera, Olanda e Italia. Ha suonato nei maggiori festival cameristici e suoi partner sono stati tra gli altri: Kantorow, Kremer, Kagan, Spivakov, Kristian Zimermann, i quartetti Hagen, Alban Berg, Lindsay e Amadeus. È direttore artistico del Festival di Musica da Camera di Kuhmo (Finlandia). È docente presso la Hochschule di Folkvang e presso il Royal Conservatory dell’Aja. Le sue registrazioni sono disponibili per le case discografiche: ECM, DENON, FORLANE, OTTAVO, Nippon COLUMBIA, ERATO, CBS, ONDINE. 
Tra le sue numerose composizioni si possono trovare brani per strumento solo, corodi voci miste, orchestra sinfonica e da camera. Per quanto riguarda le formazioni da camera Mendelssohn ha composto per trio e quartetto d’archi, quartetto d’archi con percussioni, clarinetto solo, pianoforte e percussioni, settetto d’archi, piano e voce recitante. Inoltre ha scritto anche musica per balletto, teatro e cinema.

David BRIATORE, torinese, ha iniziato i suoi studi presso il conservatorio della sua città dove a vent'anni si è diplomato in violino con il massimo dei voti sotto la guida della Prof.ssa Christine Anderson. Ha poi conseguito il diploma di viola ad Udine, dopo aver studiato presso la scuola di alto perfezionamento musicale di Portogruaro sotto la guida del M.o Vladimir Mendelssohn.
Come violinista si è perfezionato a Portogruaro con il M.o Pavel Vernikoff e, grazie ad una borsa di studio vinta per tre anni consecutivi, a Senigallia con il concertista di fama internazionale Vadim Brodskij. Si è distinto in numerosi concorsi italiani ed internazionali, fra i quali quelli di Vittorio Veneto (secondo classificato), Stresa (secondo), Biella (secondo), Acqui Terme (primo), Savigliano (primo). In collaborazione con la pianista Silvia Barbieri e in quintetto ha collaborato attivamente con l'istituzione concertistica “Unione musicale” di Torino partecipando ad importanti rassegne ed iniziative musicali quali “Settembre Musica” e “Piemonte in Musica”.
In qualità di violista si è perfezionato con il M.o Michael Kugel a Venezia, in Baviera e in Belgio. Nel 1997 si è piazzato terzo al concorso internazionale Öestig di Vienna (primo premio non assegnato), città nella quale ha eseguito il concerto per viola e orchestra di Bartòk accompagnato dalla Volksoper Orchester, sotto la guida del M.o Eschwe.
Vinto nel 1992 il concorso di “concertino dei primi violini”, ha ricoperto tale ruolo per alcuni anni presso il Teatro “G. Verdi” di Trieste, dove attualmente riveste il ruolo di prima viola. Sempre al Verdi nella stagione sinfonica 2009-2010 ha eseguito la Sinfonia Concertante di Mozart sotto la guida del M.o Kovatcheff. In qualità di prima viola ha collaborato anche con numerose altre orchestre tra le quali quella del Teatro “La Fenice” di Venezia, l'Orchestra “Symphonica Toscanini” di Parma sotto la direzione del M.o Lorin Maazel, quella del Teatro Regio di Torino e dell'Opera di Roma.

FRIEDER BERTHOLD
Violoncello, studia a Colonia con il Quartetto Amadeus. Borsista della Fondazione Würth studia con Janos Starker negli Stati Uniti. Si perfeziona con W. Pleeth e M. Lovett. Come solista e membro dell’Ensemble Novalis si esibisce in tutta l’Europa in Russia (Filarmonica di San Pietroburgo, Mosca International Center of Performing Arts, Conservatorio Ciajkovski, Tretjakov Gallery, Filarmonica di Novgorod, Giappone (Tokyo) e Corea (Rodin Gallery, Seoul Arts Center). Ha collaborato con N. Brainin (Quartetto Amadeus), F. Erblich (Quartetto Orlando) V. Yampolski (Trio Rachmaninov) e V. Mendelssohn.

Mitsugu Harada, giapponese di Kobe, si trasferisce a Trieste nel 2006 per studiare con Stefano Sciascia. Si diploma al conservatorio “G. Tartini” di Trieste con il massimo dei voti e lode sia contrabasso classico che jazz, vincendo una borsa di studio per i migliori diplomati. Collabora con varie orchestre con la qualità di primo contrabbasso, suonando nelle sale europee più prestigiose come Amsterdam Concertgebouw, Philharmonic hall di San Pietroburgo e Musikverein e Konzerthaus di Vienna. Ha Partecipato alle registrazioni per la rivista Amadeus, casa discografica Concerto e Brilliant Classics.

 







© %ANNO% Museo Revoltella, Comune di Trieste, Assessorato alla Cultura