Museo Revoltella
 
Sabino Coloni. Sezione della mostra antologica aperta a Muggia
[Dal 21 dicembre 2011 al 29 gennaio 2012]
Trieste, Museo Revoltella


Sabino Coloni (Trieste, 1931-1975). Autodidatta, dimenticato o quasi (ma non dagli specialisti ed amatori d'arte), è stato recentemente "oggetto/soggetto" di una interessante tesi di laurea. Viene oggi riproposto per iniziativa del Comune di Muggia all'attenzione di un pubblico scelto, sensibile a messaggi non solo "di moda" nell'arte contemporanea.
Nella ricerca che gli è propria, Coloni muove, nei primi anni del secondo dopoguerra, da un neorealismo semplificato nelle forme, per approdare al figurativo delle tematiche sociali: pescatori e contadini, operai e donne del Carso. Un neocubismo che lo accomuna a molti di quegli anni, basti  pensare a Zigaina o a Nino Perizi. Cesti, falcetti e reti diventano icone e simboli che presto (anni '60), vanno a sintetizzarsi in reticoli ed intrecci sempre più liberi, fino a perdersi nella spontaneità dell'informale.
Non c'è solo questo nella sua ricerca. C'è l'esperienza del muralismo, della grafia convulsa di incubi surreali che trasformano temi ecologici in ben altro, dei ritratti intensi del movimento operaio triestino e, non ultime, le sculture in ferro, inquietanti nella loro plastica sofferta.
Il Museo Revoltella si collega all’iniziativa esponendo un nucleo di opere rappresentative della produzione dell’artista.




Condividi

<< elenco esposizioni


© 2017 Museo Revoltella, Comune di Trieste, Assessorato alla Cultura