Museo Revoltella
 

Palazzi - Palazzo Brunner (Galleria d'Arte Moderna) - galleria del terzo piano

Terzo piano
> Il secondo ottocento in Italia
Quarto piano
> Gli artisti triestini del secondo ottocento
> Sale internazionali
Quinto piano
>
Sale del Novecento italiano (1914-1940)
> Sale degli artisti del Friuli-Venezia-Giulia
Sesto piano
> Sala degli artisti del secondo novecento (1945-1970)


Domenico Morelli
La preghiera di Maometto
1887


Domenico Induno
Garibaldi ferito in Aspromonte
1855


Bernardo Celentano
Riflessi


Giovanni Fattori
Bivacco



Vincenzo Cabianca
Il legionario napoleonico
1856

Il secondo Ottocento in Italia.

Il percorso della galleria d'arte moderna inizia a livello del terzo piano di Palazzo Brunner, a cui si accede dall'ultima sala del secondo piano di Palazzo Revoltella. Qui sono esposte opere di autori collegati alle più importanti scuole regionali italiane, che coprono un periodo compreso tra la metà dell'Ottocento e il 1885 circa. Molte furono acquistate nella prima fase di vita del museo, fondato nel 1872, altre pervennero attraverso successive donazioni di collezioni private.
Nella saletta d'ingresso sono esposte alcune nature morte della metà del secolo XIX dovute al più famoso autore triestino di questo tipo di soggetti, Francesco Malacrea e al suo allievo Hohenberger. Al centro è collocata La Vergognosa (1873), marmo di Donato Barcaglia, una delle prime opere acquistate dal museo.
Da qui si accede alla galleria del terzo piano, che, dalla balconata, consente di vedere da una prospettiva nuova il grande atrio di Palazzo Brunner, vano di oltre venti metri di altezza che porta intatta l'impronta del progetto scarpiano, e l'opera di Gerhard Merz tratta dal Fedro di Platone (1990).
Qui hanno trovato posto molti autori importanti dell'Ottocento italiano e, in particolare, alcuni esponenti molto rappresentativi, lombardi, veneti e toscani, della corrente verista: Domenico Induno, Angelo Inganni, Vincenzo Cabianca, Odoardo Borrani, Antonio Rotta, Pietro Saltini. Non mancano i soggetti risorgimentali (Girolamo Induno, Sebastiano de Albertis, e, con il piccolo, ma interessante Bivacco, Giovanni Fattori), ai quali si affiancano paesaggi e scene di vita firmati da pittori meridionali (Achille Vertunni, Filippo Palizzi, Francesco P. Michetti, Bernardo Celentano) e lombardi (Leonardo Bazzaro, Tranquillo Cremona). Nella seconda sala è esposto uno dei dipinti più importanti della collezione, La preghiera di Maometto di Domenico Morelli (1887), acquistato direttamente dall'artista. Accanto a questo possiamo vedere un piccolo dipinto, Moschea del Sultano Amurat I (1873) dell' orientalista emiliano Alberto Pasini. Completano la sala alcuni dipinti di autori italiani contemporanei: Giovanni Muzzioli, Edoardo Dalbono, Raffaele Armenise e Salvatore Marchesi. Come si può notare, nel primo decennio di vita del museo prevaleva nel Curatorio l'interesse per i soggetti storici.


 
Per maggiori dettagli sulle opere consulta la sezione collezioni del Museo Revoltella



© 2017 Museo Revoltella, Comune di Trieste, Assessorato alla Cultura