Museo Revoltella
 




Acquistato dal Museo Revoltella alla mostra personale che la Galleria Trieste dedicÚ al pittore nel 1940, il dipinto rappresenta l'ultima fase di attività di Croatto, che morirà nel 1948.
Dal 1925 si era trasferito da Trieste a Roma, dove aveva ottenuto un notevole successo per quella sua pittura fatta di forme nitide e colori splendenti, con uno sguardo al Novecento italiano e una tecnica che lo avvicina al Seicento olandese. Le sue nature morte mescolano sapientemente prodotti della natura e oggetti rari, come avviene in questa tela dove, al grosso cedro tagliato a metà, sono accostati una collana, una conchiglia e una preziosa ampolla vitrea, che, sullo sfondo di una morbida seta drappeggiata, gli permettono di ottenere magici riflessi di luce.




© 2017 Museo Revoltella, Comune di Trieste, Assessorato alla Cultura