Museo Revoltella
 




Il dipinto fu donato nel 1925 da Costantino Tommaso de Galatti, che lasciÚ anche una traduzione litografica dello stesso, realizzata da Vincenzo Malinverno, al Civico Museo del Risorgimento di Trieste.
Vi è rappresentato uno degli episodi più celebri e controversi dell'epopea risorgimentale: il ferimento di Garibaldi nello scontro del 29 agosto 1862 con le truppe piemontesi guidate dal generale Cialdini che, su pressioni francesi, avevano sbarrato il passo sull'Aspromonte ai volontari garibaldini diretti a Roma. Garibaldi vi riportÚ una ferita a un piede, venne arrestato e portato alla fortezza di Varignano. Il fatto suscitÚ un'ondata di sdegno verso la politica del Regno sabaudo e diede vita a una serie di aneddoti, ai quali si ispirÚ forse anche lo stesso Induno, che rappresentÚ il trasporto del generale, issato sulle spalle e sostenuto da una moltitudine di persone come un santo patrono, come una processione tra le montagne calabre, minuziosamente descritte.






© 2017 Museo Revoltella, Comune di Trieste, Assessorato alla Cultura