Notizie

Al ridotto del Verdi le icone dal Museo Nazionale di Minsk

Comune di Trieste Banca Friuladria
Assessorato alla cultura

Comunicato stampa

mostra

Belarus, frontiera tra cielo e terra
Icone dal Museo Nazionale di Minsk

Sala del Ridotto del Teatro comunale “G. Verdi”
29 ottobre 2004 ñ 6 gennaio 2005

E’ stata inaugurata lo scorso 28 ottobre la mostra che porta per la prima volta in Italia un nucleo di preziose icone di proprietà del Museo Nazionale di Minsk, capitale della Bielorussia.
Venti pezzi di grande interesse presentati in una sede piuttosto insolita, la Sala del Ridotto del Teatro G. Verdi, dove si potranno ammirare fino all’inizio del prossimo anno.
La mostra è stata realizzata dal Comune di Trieste, attraverso il Museo Revoltella, in stretta collaborazione con la Banca Friuladria e Trieste Expo Challenge, e con il sostegno di Assicurazioni Generali, Danieli e KPMG. E’ accompagnata da un ampio catalogo curato da una specialista di questo particolare campo di studi, che è Sonia Gurkova.

L\’icona è di per sé una frontiera, tra ciÚ che puÚ avere un\’immagine e l\’Invisibile, tra la terra e il cielo; ma una frontiera in questo senso non è un ostacolo, è il luogo di un incontro. ´Se tu vedi che l’Incorporeo si è fatto uomo per te – scrive san Giovanni di Damasco -, allora puoi esprimere la sua immagine umana. L’Invisibile, incarnandosi, si è mostrato visibile, per cui è ovvio che puoi dipingere l’immagine di chi è stato vistoª.
In Belarus\’ l\’icona è una frontiera ulteriore. Tra la tradizione bizantina e l\’arte occidentale, tra la fissità di un codice figurativo millenario e la spazialità dinamica del Barocco, tra la pittura e l\’intaglio, tra l\’eleganza e la vivacità popolare.
Le icone del Museo Nazionale di Belle Arti della Repubblica di Bielorussia di Minsk rivelano che la frontiera è un incrocio di percorsi, da Efeso a Polock a Czestochowa, da Milano a Budapest, dalla Polonia alla Russia, che ora sosta a Trieste, a sua volta porta e incrocio tra Oriente e Occidente. A dimostrazione che l\’Invisibile segue itinerari a volte misteriosi, che il suo riflesso supera le barriere, raccorda le civiltà e le culture, attende pazientemente che le nostre divisioni siano superate.

Orari: aperta tutti i giorni dalle 10 alle 18 ñ ingresso unico Euro 3,00
Informazioni: tel. 040/675 4350 www.triestecultura.it