Notizie

Programma per i giorni della Barcolana

Per la Barcolana, il Museo Revoltella ha predisposto il seguente programma:

sabato 9 ottobre 2004 ore 16.00: visita guidata gratuita alla mostra “Guido Marussig” (dott. Nicoletta Bressan)

domenica 10 ottobre 2004 ore 11.00: visita guidata gratuita alla mostra “Guido Marussig” e alla mostra degli abiti di Soraya (dott.ssa Barbara Coslovich)

ore 16.00: visita guidata gratuita al Museo Revoltella (dott.ssa Susanna Gregorat)

Ingresso: interi 5,00 Euro, ridotti (gruppi e categorie speciali) 3,00 Euro

Per il Museo Revoltella il 2004 è stato un anno particolarmente intenso, che già nel primo semestre ha visto succedersi ben sei mostre, tutte confortate da un notevole successo di pubblico.
L’anno si è aperto con due mostre iniziate già nel 2003, la retrospettiva di Edoardo Devetta e la rassegna dell’attività giovanile di Ugo Carà, decano degli artisti triestini, che ha festeggiato il 95∞ compleanno proprio all’inaugurazione della mostra, il 26 novembre 2003.
All’inizio di marzo il museo ha allestito la prima mostra dedicata all’opera pittorica e grafica di Carlo Giorgio Titz, figura originale degli anni cinquanta (morto nel 1958 a trent’anni) ma ormai da tempo dimenticata. E’ seguita, nella Sala Leonardo dei Musei del Canal Grande, una singolare rassegna dell’opera di un celebre artista internazionale, Daniel Spoerri, che si inseriva in un filone di mostre dedicate all’arte contemporanea (“Revoltella contemporaneo”) varato nel 2003.
Tra aprile e luglio l’ultimo piano del museo ha ospitato una preziosa mostra dei disegni eseguiti da Carlo Scarpa per la ristrutturazione del museo, negli anni sessanta. In gran parte non erano stati mai visti e hanno fornito la chiave per la giusta interpretazione delle scelte progettuali fatte a suo tempo per il Revoltella.
In luglio sono state inaugurate sia la mostra degli abiti dell’imperatrice Soraya che, assieme alla Moda degli anni cinquanta in passerella realizzata coi Civici Musei di Storia ed Arte costituisce una delle tappe della rievocazione degli anni in cui Trieste tornÚ all’Italia, sia la grande mostra dedicata all’opera pittorica, scenografica e grafica di Guido Marussig, un triestino che ebbe grande fortuna a Milano, anche per essere stato un apprezzato collaboratore di D’Annunzio.
Nello stesso tempo il Museo ha messo in cantiere la pubblicazione del catalogo generale del museo che sarà presentato in novembre grazie al sostegno di Banca Friuladria, e ha collaborato all’elaborazione del programma espositivo delle celebrazioni del ’54 con una sezione dedicata all’architettura e alla decorazione navale dal 1947 al 1954.